giovedì 14 settembre 2017

Proteggere la nostra privacy

Prima di dichiarare o comunque comunicare il proprio indirizzo di posta elettronica o altre informazioni personali su internet, è bene accertarsi che sia tutelata la propria riservatezza e che le informazioni siano protette. Per proteggere la propria identità on-line e prevenire in ogni modo un facile accesso alle proprie informazioni da parte di un malintenzionato, evitare quanto più possibile di comunicare dati personali come data di nascita, indirizzo, numeri personali etc.

Come sapere se la propria privacy risulta protetta?

  • Privacy policy. Prima di digitare il proprio nome, indirizzo di posta elettronica o altre informazioni personali in un sito web, assicurarsi che le policy di riservatezza siano garantite. Queste policy dovrebbero informare l’utente di come queste informazioni potrebbero essere usate e se queste potranno essere usate da terzi. Infatti a volte determinate compagnie condividono le informazioni degli utenti con case produttrici o con altre compagnie non identificate. In caso di sottoscrizione a una mailing list, accertarsi di selezionare le opzioni che permettono di ricevere solo traffico utile e non traffico spam. Se il sito web non riporta comunicazioni riferite alla tutela dei dati personali, diffidare di tale sito e nel caso siano presenti, controllare periodicamente se queste vengono aggiornate.
  • Assicurarsi che le informazioni siano criptate. Per proteggere le informazioni da eventuali attacchi, ogni utente dovrebbe assicurarsi che il sito dove vengono consegnati le informazioni sia protetto. Molti siti usano il protocollo SSL, Secure Socket Layer, per cifrare le informazioni. Un facile metodo per rendersi conto se le proprie informazioni si trovano in un sito protetto, è quello di controllare l’URL del sito, che deve cominciare con “https” e non “http”. Inoltre in basso a destra deve essere presente un lucchettino che rappresenta il certificato del sito. Il problema si presenta se il sito cifra le informazioni ma non le protegge in modo adeguato; questo potrebbe dare la possibilità ad un attaccante di attaccare il sistema e scoprire le informazioni.

Quali possono essere i consigli per proteggere la propria privacy?

  • Fare affari solo con compagnie affidabili. Prima di concedere i propri dati on-line è opportuno farsi le seguenti domande:
    • Abbiamo fiducia negli affari on-line?
    • Stiamo facendo acquisti con una compagnia/agenzia che crediamo affidabile?
    • La compagnia informa l’utente di come sono conservati i propri dati e come sono protetti?
  • Nel registrarsi, non usare l’account di posta elettronica principale, ma uno creato per l’occasione. Questo per evitare che il nostro account ufficiale venga “invaso” da posta indesiderata ovvero SPAM. L’unico accorgimento è quello di visitare con regolarità questa casella di posta per essere sempre al corrente di qualsiasi aggiornamento.
  • Evitare di fornire on-line, ove possibile, informazioni relative alla propria carte di credito. Alcune compagnie offrono un numero di telefono nel caso l’intestatario abbia bisogno di ricevere alcune informazioni circa la carta di credito. Sebbene questo mezzo di comunicazione non dia garanzia che le informazioni non siano compromesse, elimina comunque il pericolo di essere “attaccati” durante il processo di login.
  • Usare una carta di credito prepagata, per minimizzare i potenziali pericoli, nel caso un attaccante venisse a conoscenza delle informazioni riferite alla nostra carta di credito, il consiglio è quello di utilizzare una carta solo per acquisti on-line e di conseguenza lasciare su detta carta somme minime.

Oppure hai ancora dubbi e semplicemente vuoi approfondire l'argomento? Contattami liberamente, senza alcun impegno, per un preventivo gratuito di consulenza personalizzata.

Nella sessione studiata su misura per te sarò a tua completa disposizione fornendoti risposte chiare, immediate e precise.

Consulenze telefoniche o per posta elettronica prevedono un costo.

L'autore

Mi sono laureato in informatica presso l'università degli studi di Milano. Da sempre mi occupo di informatica e programmazione.
Da qualche anno sono diventato un blogger e collaboro con alcune testate on-line.
Ho al mio attivo anche alcune pubblicazioni on-line.
Software di recupero dei database di Microsoft Access
PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE
  • Collegati con
  • oppure registrati al sito
Alessio Arrigoni - CONSULENTE INFORMATICO - Via per Senna, 15 - 22070 Capiago Intimiano (CO) - Tel./Fax 031.461.335 - info@alessioarrigoni.it
PRIVACY | P.I. 02752540134